Storia - Reggiane fighters

Maecenas vitae congue augue,
nec volutpat risus.
Vai ai contenuti

Menu principale:

Storia
STORIA




Nel 1901 venne creata l'"Officina Meccanica e  Fonderia Ing. Romano Righi e C." dall'Ing. Righi e dal Comm. Menada a  Reggio Emilia.

L'azienda cominciò ad operare nel settore ferroviario, si espanse e nel 1904 assunse il nome di "Officine Meccaniche Reggiane".



La societa' continuo' ad espandersi e nel  1913 arrivò ad avere un organico di duemila dipendenti e divenne  "Reggiane Officine Meccaniche Italiane S.p.A.".
Nel periodo bellico della Prima Guerra Mondiale si trovò a produrre anche proiettili e carri per artiglieria.
Nel 1917 arrivò ad impiegare 5000 dipendenti.
Panoramica delle Reggiane nel 1931

Nel 1918 ricevette una commessa per la costruzione di 300  bombardieri Caproni 600 (Ca.5) ma solo cinque esemplari vennero  completati. Durante un temporale il capannone che li ospitava crollò  distruggendoli tutti.
Terminata la guerra, l'azienda fu soggetta a  diverse crisi e cercò di uscirne sviluppando anche prodotti per  l'agricoltura, meccanica ed impianti industriali.





Caproni Ca.5


Nel 1935 l'Ing. Caproni si interessò alle Reggiane e l'azienda diede  quindi inizio allo sviluppo di velivoli e motori aeronautici. Dapprima  vennero prodotti su licenza (velivoli SM.79, P32 bis, Ca.405 e motori  Piaggio PVII, PXIbis, Fiat A74)
P.32bis                                                                  Ca.405                                                               SM.79
Fiat A.74



e successivamente su progettazione propria, dal RE 2000 fino al RE 2006 per i velivoli e dal Re.103 al Re.105 per i motori.







Re.103                                                                      RE2005










Nel 1941 raggiunse l'apice con un organico di 11200 dipendenti.
                                                                                                            La citta' di Reggio Emilia e il complesso industriale


All'epoca era la quarta industria del paese per fatturato dopo Fiat, Breda, Ansaldo.
Tra il 7 e l'8 Gennaio 1944 venne rasa al suolo dalle pesanti incursioni dei bombardieri alleati.
Successivamente  al 1945 abbandonera' la produzione aeronautica per occuparsi dei  settori industriale, ferroviario e di costruzione di grandi gru che  continua ancora oggi.

Velivoli costruiti:

- P32bis: 2
- Ca.405: 2
- SM.79: 405
- RE 2000 totali: 350
 - dei quali prototipi: 1
 - dei quali caccia: 5
 - dei quali grande autonomia: 12
 - dei quali catapultabili: 10
 - dei quali per l'Aeronautica svedese: 60
 - dei quali per l'Aeronautica ungherese: 71
 - dei quali costruiti su licenza in Ungheria: 191
- RE 2001: 237
 - dei quali Re2001 Delta: 1
 - dei quali Re2001 CN costruiti a Predappio: 10
- RE 2002: 251
 - dei quali costruiti a Taliedo: 60
- RE 2003: 2
- RE 2005: 32
- RE 2006: 1


Motori costruiti:

- Piaggio PVII: 1231
- Fiat A.74 RC.38: 1722
- Piaggio PXIbis: 1121
- RE.103: 2

Tutti i diritti riservati
REGGIANE FIGHTERS
Torna ai contenuti | Torna al menu